Terapia anticoagulante

TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

In caso di dubbio non esitate mai a chiedere!
Il telefono è fatto per questo!
Portate sempre con voi, tra i documenti, un cartellino che indichi chiaramente che utilizzate anticoagulanti orali.
Non assumete farmaci (anche d’erboristeria) senza aver prima parlato con il medico o con il farmacista, ricordando che utilizzate gli anticoagulanti.
Assumete l’anticoagulante orale sempre alla stessa ora (circa un’ora prima di cena o circa tre ore dopo cena).
Adottate un sistema certo per non confondervi nell’assunzione del farmaco (per esempio, segnare sul calendario la dose da assumere nei giorni successivi e spuntare subito dopo aver preso il farmaco).
Potete scegliere il sistema a voi più comodo, ma deve essere sicuro!
Rispettate sempre i tempi prescritti tra un controllo e l’altro (se “saltate” i controlli il rischio di problemi aumenta).
Seguite la dieta che preferite, ma siate costanti nell’uso dei cibi riportati nella successiva tabella (vedi dopo).
Evitate sport o attività rischiose per traumi o ferite.
In caso di piccoli sanguinamenti applicare una forte pressione con fazzoletto o garza puliti in modo da fermare o ridurre l’emorragia (se il sanguinamento è nasale comprimere con forza con due dita la punta del naso per almeno 3-4 minuti e poi attendere prima di risoffiarsi il naso). Se il sanguinamento sembra importante recarsi in Pronto Soccorso; se il sanguinamento persiste senza essere importante contattare il medico o recarsi in Pronto Soccorso; se il sanguinamento si arresta con facilità comunicare il fatto comunque, senza urgenza, al medico.

Avvisare il medico in caso di:

  • urine molto scure o rossastre;
  • feci nerastre;
  • comparsa di “disturbi di stomaco” non presenti in precedenza;
  • mestruazioni chiaramente più abbondanti del solito.

DIETA
Il paziente deve assumere una dieta il cui contenuto in vitamina K non subisca notevoli variazioni (vedi tabella); in caso di modifiche importanti delle abitudini alimentari (per esempio, diventare vegetariani), è necessario avvertire in anticipo il medico.

Da evitare prezzemolo (consentito solo come “ornamento”), verze.

Attenzione per variazioni > 100 gr. broccoli, cavoletti, cavolo cappuccio, spinaci, cime di rapa, germogli, lattuga.

Attenzione per notevoli variazioni asparagi, avocado, piselli, lenticchie, semi di soia, altra insalata verde, fegato.